• Francesco Tomei

ETA’ DELLA PARTNER E RISULTATI DELLA PMA


I risultati delle varie tecniche di PMA sono strettamente correlate all’età della partner e quindi all’età degli ovociti a disposizione: con l’età si riducono le gravidanze e le tecniche di 1° livello portano alla metà dei successi delle tecniche di livello maggiore (Fig. 3.2.3 e Fig. 4). Con l’età aumentano gli esiti negativi prevalentemente legati agli aborti (Fig. 5) che dopo i 43 anni dimezzano le gravidanze in termini di bimbo in braccio. Le tecniche che utilizzano ovociti e/o embrioni congelati hanno anch’esse una buona resa e consentono l’aumento cumulativo, per ciclo a fresco iniziato, di bimbi nati (Fig. 3.4.3).




Relazione del Ministro della Salute, 29 giugno 2019


Con le tecniche di ovodonazione i risultati dipendono - non dall’età della ricevente - ma da quella donatrice, solitamente molto giovane e comunque per legge non superiore a 35 anni: i risultati pertanto, indifferentemente dall’età della donna che esegue una PMA con donazione di ovociti, sono abbastanza stabilizzati in un range tra il 33 e 38% (Fig. 3.2.39) e con un’abortività contenuta entro il 20% (Fig. 5).


Relazione del Ministro della Salute, 29 giugno 2019

Francesco Tomei

46 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

FRANCESCO

TOMEI

  • Youtube
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Icona sociale

OPITERGIUM MEDICA

Via Giuseppe Mazzini, 10 

31046 - Oderzo

TV

CENTRO DI MEDICINA

Via Trasimeno, 2

30027 - San Donà di Piave

VE

Via della Ferriera, 22/D

33170 - Pordenone

PN   

Francesco Tomei © 2020